dogear

Museo geologico “G. Cortesi”, Castell’Arquato 5 maggio – 29 luglio 2018

(con una appendice presso la Chiesa di San Donnino in Piacenza 11 maggio – 3 giugno 2018)

La mostra mette in dialogo una serie di opere su carta di Romano Bertuzzi con alcuni reperti fossili del museo testimonianza dell’antico mare che occupava tra 5 a circa 2 milioni di anni fa la pianura padana. Questi resti fossili furono citati per la prima volta da Leonardo da Vinci nel suo celeberrimo Codice Leicester.

“Vedesi inelle montagnie di Parma e Piacenzia le moltitudine de’ nichi e coralli intarlati, ancora appiccati alli sassi; de’ quali, quand’io facevo il gran cavallo di Milano, me ne fu portato un gran sacco nella mia fabbrica da certi villani, che in tal loco furon trovati; fra li quali ve n’era assai delli conservati nella prima bontà” 

La mostra, promossa dal Comune di Castell’Arquato e dal Museo geologico “G. Cortesi”, ha il patrocinio della Regione Emilia Romagna ed è stata realizzata grazie alla collaborazione con il Centro Eucaristico Diocesano San Donnino di Piacenza e il Museo Poldi Pezzoli di Milano e con il supporto del Rotary Club Fiorenzuola d’Arda e della Società piacentina di scienze naturali.

locandina mail