dogear

Primavera 2010: al delfino "spuntano i denti" - Per permettere lo studio successivo alla fase di restauro si sta provvedendo al disinglobamento completo dal sedimento, pulizia e consolidamento dei resti scheletrici fossili del delfino: ossia del cranio, parte della colonna vertebrale in connessione anatomica e costato.

Data la delicatezza del restauro e in funzione di un risultato finale che permetta di poter realizzare anche il calco della paleosuperficie per buona parte degli interventi descritti ci si avvale delle specifiche competenze del dott. Paolo Reggiani, responsabile del laboratorio di restauro del Museo civico di storia naturale di Venezia che ha già svolto interventi analoghi per conto dell'Istituto Beni Culturali della Regione Emilia Romagna.

L'intervento di restauro vero e proprio consiste prima di tutto nell'asportazione del sedimento utilizzando specilli e piccole spazzole. Per una accurata pulizia della superficie viene nei casi più delicati utilizzata una soluzione acquosa di sali quaternari d’ammonio. Le parti ossee, una volta asciutte, vengono consolidate con soluzioni di Paraloid B 72 sciolto in acetone. L’imbibizione con questa resina ad una concentrazione variabile fra il 5% e il 15%, sarà ripetuta più volte per assicurarne una ottimale penetrazione nel tessuto osseo e quindi stabilizzarne i tessuti mineralizzati. I frammenti ossei staccati verranno poi assemblati utilizzando Mowital B 60HH sciolto in acetone. Sia il consolidante che la colla risultano reversibili in acetone.

La pulizia del reperto sta mettendo in evidenza come le operazioni di recupero sul calaco, nonostante le difficoltà dovute alla localizzaizone del delfino e al complesso trasferimento aereo con l'elicottero dei Vigili de Fuoco, siano state eseguite in modo soddisfacente senza causare particolari danni al reperto. Proprio in questi giorni il delfino (che è un odontoceto) sta "mettendo i denti": l'accurata pulizia del cranio sta mettendo in risalto la presenza di una lunga fila di denti ancora ben conservati la cui immagine verrà messa in rete una volta completata la ripulitura.

  • Click to enlarge image delfino_10.09.jpg Click to enlarge image delfino_10.09.jpg
  • Click to enlarge image delfino_bis_10.09.jpg Click to enlarge image delfino_bis_10.09.jpg
  •  
.

Novembre 2009 - Dopo il consolidamento della parte inferiore del livello argilloso-siltoso inglobante il cranio e parte della colonna vertebrale del delfino e il riposizionamento del fondo della cassa che lo contiene, il blocco è stato ricollocato nella sua posizione originaria e il poliuretano che era servito come imballo è stato rimosso. A seguito dei sopralluoghi di un funzionario della Soprintendenza Archeologica regionale e di uno specialista del Museo di storia naturale di Venezia si è iniziato il delicato lavoro di consolidamento propedeutico al successivo restauro conservativo. Il materiale argilloso-siltoso asportato è stato conservato per essere poi analizzato da specialisti, alcuni blocchi già isolati serviranno come campioni per analisi palinologiche.

 

I blog del museo